I disturbi gastrointestinali negli atleti di endurance

di Elena Casiraghi, PhD, Equipe Enervit

Ci sono fantasmi che a volte, quando appaiono in gara, fanno sbiancare più della fatica fisica, obbligando a rallentare il ritmo e in alcuni casi costringendo al ritiro. Stiamo parlando dei disturbi gastrointestinali (che per comodità indicheremo con la sigla G.I.), i peggiori nemici degli atleti di endurance. Si è osservato infatti, che nelle competizioni di endurance i disturbi G.I. sono tra le più frequenti cause di ritiro o di ridotta prestazione. Ma quali sono i triatleti più soggetti?

macca pain 2010 IM

  • I disturbi G.I. sono presenti sia negli atleti agonisti sia negli atleti amatori;
  • Sono più diffusi nelle donne che negli uomini;
  • Sono più frequenti negli atleti che aumentano nel giro di poco tempo la quantità dell’allenamento, in particolare le sedute ed il volume di corsa;
  • Sono più frequenti in chi li ha già avuti in passato e in chi ha normalmente problemi di gastrite o colite;
  • Sono più frequenti nelle gare che in allenamento, in particolare quando maggiore è l’intensità di esecuzione.

Sembra che nelle discipline come nuoto e ciclismo, in cui il corpo rimane in posizione più statica, la frequenza di questi disturbi (a parità di intensità e di ciò che si è assunto prima o durante la gara), è inferiore a quella che si registra nella corsa. Si è constatato infatti, che le accelerazioni quando si corre sono maggiori rispetto a quando si nuota o si pedala. Ad ogni passo di corsa del resto, si hanno oscillazioni verticali del tronco, e al momento dell’arrivo a terra una brusca decelerazione del corpo; nel momento della spinta invece, avviene un’accelerazione. Tutti questi fattori, comportano un continuo scuotimento degli organi all’interno dell’addome, prima potenziale causa dei disturbi gastrointestinali.

Quali sono però i fattori che predispongono al manifestarsi di questi antipatici disturbi?

  • E’ più esposto a tale rischio chi inizia a fare sport, in particolare a correre, o chi ricomincia dopo una lunga pausa;
  • Sono più esposti anche gli atleti che competono ad elevata intensità o comunque al massimo delle capacità;
  • La scelta degli alimenti e loro quantità prima della competizione può essere causa di tali disturbi: in particolare, i maggiori problemi sono riscontrati in chi assume prima della competizione una quantità eccessiva di cibi ricchi di grassi (es. latticini ma anche panne e gelato) e fibre;
  • Le bevande, i cibi e la scelta degli integratori assunti in gara: i disturbi possono nascere, per esempio, dall’assunzione di caffeina, dall’assunzione di una quantità eccessiva di fruttosio e da bevande troppo ricche di carboidrati e/o sali minerali. In questi casi infatti, l’eccesso di tali sostanze richiama una quota eccessiva di acqua all’intestino e questo stimolo genera diarrea.

35Ecco quindi alcuni consigli per evitare, o comunque contenere, il rischio di disturbi gastrointestinali durante l’attività o subito dopo.

1. Alimentazione prima della gara, cosa evitare:Wholegrain pasta close up

Nei due giorni che precedono la gara è bene ridurre il consumo di frutta. A partire dal giorno prima limitare, poi, i cibi ad alto contenuto di fibre come, per esempio, gli alimenti integrali, alcuni tipi di verdura, i legumi ed i cereali integrali. E’ importante, in chi già soffre di crampi addominali, dolori al fianco destro o sinistro e disturbi più in genere localizzati nell’addome, ridurre gli alimenti contenenti lattosio e grassi come il latte intero, la panna, i gelati. Se questi dolori e disturbi sono d’abitudine nelle competizioni allora è bene anche sospendere il consumo di caffè a partire da 48 ore prima della gara. Evitare nella colazione pre-gara il consumo di caffè abbinato al latte (es. cappuccino, caffè e latte, ecc.);

2. Bevande in gara:

Se in genere si soffre già di questo tipo di disturbi, è importante iniziare la gara ben idratati, cercando di colmare le carenze di acqua e sali minerali bevendo sorsi piccoli spesso e senza aspettare la sensazione di sete. E’ importante cercare di colmare le perdite di acqua e sali avvenute con la sudorazione, per evitare la disidratazione e l’ipertermia;

3. Allenamento:

La pratica continua e l’esperienza riducono l’insorgenza di questi disturbi. L’allenamento poi, è un momento fondamentale per testare la strategia d’integrazione e idratazione da utilizzare in gara. E’ meglio preferire miscele a base di glucosio e fruttosio o maltodestrine e fruttosio poiché, come dimostrano gli studi scientifici, hanno un minor transito gastrico ed un ottimale assorbimento a livello intestinale;

4. Farmaci antinfiammatori:

Si deve fare molta attenzione all’utilizzo di farmaci antinfiammatori, il cui consumo è diffuso tra gli atleti. E’ ormai noto che, oltre alla scelta ed alla quantità di alcuni alimenti, nonché al consumo di un’eccessiva quota di energetici durante la gara, anche l’utilizzo di FANS espone fortemente al rischio di disturbi G.I. nello sport ad alta intensità.

 

  Quali sintomi? Quanti atleti? Come prevenire?
ESOFAGO Bruciore stomaco 10 %
  • Attenzione all’utilizzo di farmaci antinfiammatori;
  • Possibilità di assumere antiacidi (sotto controllo medico).
Bruciore retrosternale 18 %
Eruttazione 23 %
  • Ultimo pasto 3 ore prima della gara;
  • Evitare consumo cibi elaborati (es. fritti);
  • Limitare contenuto di grassi;
  • Assumere regolarmente in gara liquidi a bassa concentrazione di carboidrati.
STOMACO Nausea 10 %
Vomito 9 %

COLON

E

RETTO

Crampi addominali 31 %
  • Limitare cibi ad alto contenuto fibre;
  • Limitare consumo caffè;
  • Evitare alimenti a base di lattosio.
Necessità imminente di defecare 38 %
Diarrea 21 %
Presenza di sangue nelle feci 7 %

 

Elena Casiraghi, Ph.D. – specialista integrazione e nutrizione sportiva

 

 

Bibliografia

 

Brouns F., Beckers E.: Is the gut an athletic organ? Digestion, absorption and exercise. Sports Med., 15(4): 242-257, 199 Rowell et al. (1964),  3

Clausen J.P.: Effect of physical training on cardiovascular adjustments to exercise in man. Physiol Rev, 57 (4):779-815, 1977. Citato da Moses F., 1990

Dawson D.J., Khan A.N., Shreeve D.R.: Psoas muscle hypertrophy: medical cause for “jogger’s trot”? British Medical Journal, 391: 787-788, 1985. Citato da Eichner, 1988

De Oliveira E.P., Burini R.C., Jeukendrup A. Gastrointestinal complaints during exercise: prevalence, etiology and nutritional recommendations. Sport Med. 44 Suppl 1:S79-85, 2014

Eichner E.R.: Other medical consideration in prolonged exercise. In “Prolonged Exercise”, Lamb D.R. e Murray R., Benchmark Press Inc., Indianapolis, Indiana (USA), 1988

Halvorsen F.A., Lyng J., Glomsaker T., Ritland S.: Gastrointestinal disturbances in marathon runners. British Journal of Sports Medicine, 24(4) :266-268, 1990

Keeffe EB, Lowe DK, Goss JR, Wayne R.: Gastrointestinal symptoms of marathon runners. West J Med., 141 (4): 481-484, 1984. Citato da Moses M., 1990

Moses FM.: The effect of exercise on the gastrointestinal tract. Sports Medicine, 9(3):159-172, 1990

Peters H.P., Bos M., Seebregts L., Akkermans L.M., van Berge Henegouwen G.P., Bol E., Mosterd W.L., de Vries W.R.: Gastrointestinal symptoms in long-distance runners, cyclists, and triathletes: prevalence, medication, and etiology. Am J Gastroenterol., 94 (6): 1570-1581,1999

Peters H.P., van Schelven F.W., Verstappen P.A., de Boer R.W., Bol E., Erich W.B., van der Togt C.R., de Vries W.R.: Gastrointestinal problems as a function of carbohydrate supplements and mode of exercise. Med Sci Sports Exerc., 25 (11): 1211-1224, 1993

Peters H.P., van Schelven W.F., Verstappen P.A., de Boer R.W., Bol E., Erich W.B., van der Togt C.R., de Vries W.R.: Exercise performance as a function of semi-solid and liquid carbohydrate feedings during prolonged exercise.  Int J Sports Med., 16 (2): 105-113, 1995

Pfeiffer B., Cotterill A., Grathwohl D., Stellingwerff T., Jeukendrup A.E.: The effect of carbohydrate gels on gastrointestinal tolerance during a 16-km run. Int J Sport Nutr Exerc Metab., 19 (5): 485-503, 2009

Priebe W.M., Priebe J.A.: Runner’s diarrhea: prevalence and clinical symptomatology American Journal of Gastroenterology., 79: 827-828, 1984

Qamar M.I., Read A.E.: Effects of exercise on mesenteric blood flow in man. Gut, 28 (5): 583-587, 1987

Porter A.M.: Marathon running and the caecal slap syndrome. Br J Sports Med, 16 (3): 178, 1982

Rehrer N.J., Beckers E.J., Brouns F., ten Hoor F., Saris W.H.: Effects of dehydration on gastric emptying and gastrointestinal distress while running. Med Sci Sports Exerc., 22 (6):790-795, 1990

Rehrer NJ, Meijer GA.: Biomechanical vibration of the abdominal region during running and bicycling. J Sports Med Phys Fitness, 31(2): 231-234, 1991

Riddoch C, Trinick T.: Gastrointestinal disturbances in marathon runners. Br J Sports Med., 22(2): 71-74, 1988

Rowell L.B., Blackmon J.R., Kenny M.A., Escourrou P.: Splanchnic vasomotor and metabolic adjustments to hypoxia and exercise in humans. American Journal of Physiology, 247: H251-H258, 1984. Citato da Brouns e Beckers, 1993

Sullivan S.N.: The gastrointestinal symptoms of running (letter). New England Journal of Medicine, pag. 304: 915, 1981. Citato da Moses M., 1990

Sullivan S.N.: The effect of running on the gastrointestinal tract. J Clin Gastroenterol, 6 (5): 461-465, 1984

Author: Giacomo Petruccelli

Giacomo si laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche nel 2005, completando il suo percorso di formazione con un Master in Marketing Farmaceutico e un Dottorato di Ricerca in Biochimica-Fisiologia e Patologia del Muscolo. Nel 2013 comincia a lavorare nel settore del Food & Beverage e nel 2015 completa il Master of Management in Food & Beverage con la Bocconi School of Management, specializzandosi nel frattempo in Comunicazione Digitale. Zone Consultant Enervit e Istruttore Group Cycling Technogym BLACK LEVEL, Giacomo segue il progetto Triathlon Time nel ruolo di Copywriter e creatore di contenuti, è autore di 7 pubblicazioni su riviste scientifiche nazionali ed internazionali ed ha collaborato con la redazione web della "Società Italiana di Farmacia Ospedaliera" occupandosi di recensire newsletter informative sull'uso corretto delle diverse piattaforme di comunicazione online nel settore farmaceutico/ospedaliero italiano.

Share This Post On

Leave a Reply

%d bloggers like this: