Il giorno dopo l’Ironman Nizza

Alessandro Degasperi Daniel Fontana Activ-Images Jacky Everaerdt Ceepo Enervit Enervit Sport Polar Copex Fizik Santini Cycling Wear Trispecialist BV Sport Hoka One One Ironman Francia Ironman Nizza Ironman World Championship Triathlon ASD DOLOMITICA NUOTO CTT Predazzo DDS Triathlon Milano

Ora che l’euforia per la qualifica di Alessandro Degasperi è passata, ora che like, commenti ed entusiasmo sono rientrati nella normalità, mi piace pensare che qualcuno si fermi a riflettere che quello che è accaduto al 36enne della Val di Fiemme non è proprio frutto di un caso. Qualificarsi a Kona è dura, farlo per il secondo anno consecutivo partendo praticamente da zero (solo 450 i punti ottenuti con il 20° posto dell’IM World Championship 2016) è un qualcosa di importante. Vivere una stagione come questa, forse una delle migliori fino ad ora, con una tranquillità a volte disarmante, frutto di lavoro costante, poche parole e tanti fatti, è un qualcosa che non può passare inosservato. Fino a qualche anno fa Degasperi era considerato l’eterno secondo, quello che “gli manca ancora un po’ “, quello che “si ma ormai se non è esploso fino ad ora”, quello dal potenziale inespresso, quello che “può fare di più ma non si applica.”

Alessandro Degasperi invece si è sempre applicato, ma lo ha fatto a modo suo, nel silenzio, lontano dal clamore, dal rumore di fondo spesso fastidioso dei social network che oggi ti gridano “grande” e domani ti riducono in polvere se una gara non va come deve andare, e non importa che tu sia un professionista o un amatore. Degasperi tutto questo lo ha sempre messo in conto, lontano forse anche dal modo di fare di una Federazione che per troppo tempo lo ha screditato senza darlo a vedere agli occhi degli altri, mettendolo da parte troppo presto con ironica cortesia. E’ un po’ il destino di quelli con “la marcia in più”, essere dati troppo spesso per finiti da questo o quel “Professore” di turno. Ma il Dega ha reagito nel solo modo che conosce, quello del lavoro e dei risultati, perché di parole in giro se ne fanno già troppe. Un passo alla volta, anche sbagliando qualche gara (perché ci sta perdere ogni tanto), per fare quel passaggio che solo in pochi possono fare, un passaggio che è prima mentale e poi fisico. Se si parlasse di film sarebbe “La solitudine dei numeri primi” contro “Molto rumore per nulla”, uno strano destino che ti chiama verso un sogno e che al tempo stesso ti allontana dal rumore del quotidiano, quel quotidiano fatto di caos, il caos (di valori e risultati) del Triathlon italiano.

Alessandro non sarà certamente l’unico italiano a volare a Kona, insieme a lui anche Daniel Fontana, un altro che parla poco e che a 41 anni riesce ancora a stupire prima se stesso e poi gli altri, sempre quelli che dicono che “ormai a 41 anni che vuoi fare più.” Eh già, qualificarsi 5 volte per una finale mondiale è una cosa che si vede tutti i giorni non è vero?

Teniamocele care queste persone, perché con il loro sudore, impegno, sacrificio e dedizione, stanno buttando le basi per le generazioni future, fatte (si spera) di meno chiacchiere e più concretezza. Ci vediamo alle Hawaii.

Giacomo Petruccelli

Alessandro Degasperi Daniel Fontana Activ-Images Jacky Everaerdt Ceepo Enervit Enervit Sport Polar Copex Fizik Santini Cycling Wear Trispecialist BV Sport Hoka One One Ironman Francia Ironman Nizza Ironman World Championship Triathlon ASD DOLOMITICA NUOTO CTT Predazzo DDS Triathlon Milano

Author: Giacomo Petruccelli

Giacomo si laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche nel 2005, completando il suo percorso di formazione con un Master in Marketing Farmaceutico e un Dottorato di Ricerca in Biochimica-Fisiologia e Patologia del Muscolo. Nel 2013 comincia a lavorare nel settore del Food & Beverage e nel 2015 completa il Master of Management in Food & Beverage con la Bocconi School of Management, specializzandosi nel frattempo in Comunicazione Digitale. Zone Consultant Enervit e Istruttore Group Cycling Technogym BLACK LEVEL, Giacomo segue il progetto Triathlon Time nel ruolo di Copywriter e creatore di contenuti, è autore di 7 pubblicazioni su riviste scientifiche nazionali ed internazionali ed ha collaborato con la redazione web della "Società Italiana di Farmacia Ospedaliera" occupandosi di recensire newsletter informative sull'uso corretto delle diverse piattaforme di comunicazione online nel settore farmaceutico/ospedaliero italiano.

Share This Post On

Leave a Reply

%d bloggers like this: