Browse By

Europei Under23 e ETU Cup a Burgas (Bulgaria): ecco come è andata! (Gara Maschile)

Ecco l’ultima parte del resoconto dei Campionati Europei U23 che si sono svolti Sabato 18 Giugno a Burgas, in Bulgaria, località che si affaccia sul mar Nero. Le prove, inizialmente previste su distanza olimpica, per problemi legati al caldo giudicato eccessivo sono state convertite alla distanza sprint (vedi articolo precedente qui).

 

Gianluca Pozzatti, tra i primi ad uscire dall'acqua ai Campionati Europei U23 2016 di Burgas (Bulgaria)La gara maschile si è svolta nel pomeriggio con condizioni meteo leggermente mutate rispetto a quella femminile, a causa del levarsi di un vento teso da est e ponendo le condizioni di mare mosso. Il via alle ore 17.00 con 60 atleti. Primo ad uscire dall’acqua è stato l’ungherese Dévay; nelle prime posizioni anche gli italiani Pozzatti e Chitti. Subito fuori dalla T1 si è sviluppata una fuga con sei atleti; tra i primi ad uscire dall’acqua c’erano come detto poco fa Dévay (HUN), Gundersen (NOR), Schomburg (TUR), Prasolov (RUS), Breinlinger (GER) e Pozzatti (ITA). La fuga non ha preso mai un gran margine e sotto la spinta degli atleti spagnoli ed inglesi rimasti tagliati fuori, è stata neutralizzata a metà della frazione ciclistica.

In T2 è giunto un folto gruppo di atleti che si è giocato la vittoria nei 5 km conclusivi di corsa. Ad avere la meglio lo spagnolo Castro, probabilmente da considerarsi il favorito della vigilia, seguito da un ottimo Chitti e dall’israeliano Sagiv, con i primi 19 atleti racchiusi in soli 60″.

Un grande Chitti sul podio dei Campionati Europei U23 2016

 

Ecco alcuni dati relativi allo svolgimento della gara:

A) Distacco limite nel nuoto con il quale si è entrati in T2 nel primo gruppo: 50″

Primo tempo utile: Márk Dévay (HUN) 9’54”

Ultimo tempo utile (per rientrare con il primo gruppo in T2): László Tarnai (HUN) 10’44”

B) Numero di atleti del primo gruppo in T2: 42 su 60 partenti, pari al 70%

Nel campionato europeo di Lisbona il distacco limite per entrare nel primo gruppo è stato di soli 14″, ovvero il distacco intercorso tra Richard Varga (SVK) uscito per primo dall’acqua in 16’44” e Alessandro Fabian uscito tredicesimo in 16’58”. Nonostante la distanza di nuoto raddoppiata, i distacchi minimi sono diventati decisivi e solo 12 atleti su 61 partenti sono giunti nel gruppo testa in T2, pari al 19,67% dei partenti. La presenza di fuoriclasse come Gomez nel gruppo di testa ha di certo aiutato a produrre un gap importante.

Nella gara di Burgas il distacco limite è stato invece di 50″ ma va detto tuttavia che la gara è stata caratterizzata dalla fuga di sei atleti usciti al comando nel nuoto in un lasso di tempo di 13″, ovvero il distacco di Breinlinger, ultimo ad accodarsi, dal primo. Decisiva probabilmente è stata la composizione del gruppo di testa dal quale si sono trovati tagliati fuori sia gli atleti inglesi che quelli spagnoli. L’inseguimento è stato quindi guidato da due nazionali importanti che non avevano nessuna intenzione di rimanere tagliate fuori dai giochi. Il migliore degli atleti in fuga nel ciclismo è stato Schomburg che ha corso, nonostante le energie spese, un buon cinquemila conclusivo.

C) Analisi dei parziali di corsa

Miglior parziale: David Castro Fajardo 15’07”

19 sotto i 16′ – 35,19% degli arrivati

24 compresi tra 16’ e 17’ – 44,44% degli arrivati

8 compresi tra 17′ e 18′ – 14,81% degli arrivati

2 compresi tra 18′ e 19′ – 3,70% degli arrivati

1 sopra i 20′ – 1,86% degli arrivati

Si osserva un gran numero di atleti sotto ai 17′ (oltre l’80% degli arrivati), segno di una gara tirata e di un livello agonistico molto omogeneo. Importante ai fini del risultato finale è stata la T2 di Chitti, che con un ottimo parziale ha potuto controllare fin dalle prime battute la frazione finale, conservando energie preziose per conquistare il podio.

 

D) Starting list, esperienza internazionale e risultato finale degli atleti al via

Atleti ripartiti per anno di nascita

14 nati nel 1993 – 22,95%

17 nati nel 1994 – 27,87%

18 nati nel 1995 – 29,51%

10 nati nel 1996 – 16,39%

1 nato nel 1997 – 1,64%

1 atleta con anno di nascita non riportato al quale non sono riuscito a risalire.

Tra i primi 10 arrivati: 2 nati nel 1993 (20%), 4 nati nel 1994 (40%) e 4 nati nel 1995 (20%). Anche nella gara maschile al via si è registrata la prevalenza di nati nel 1995, tuttavia la vittoria è andata ad un atleta all’ultimo anno nella categoria con già notevole esperienza internazionale alle spalle.

E) Atleti che hanno partecipato al campionato europeo assoluto di Lisbona

Erano 13  in totale (21,31%) di cui 1 atleta classe 97 ha gareggiato nel campionato europeo cat junior); 4 tra i primi 10 arrivati (40% e 30,77% del totale). Rispetto alla gara femminile un numero maggiore di atleti ha preso il via alla prova assoluta e il loro rendimento è stato di livello buono/ottimo nella gara U23.

F) Atleti che hanno partecipato almeno ad una gara WTS

Erano 6 in totale (9,84%); 3 tra i primi 10 arrivati (30% e 50% del totale).

Anche se “solo” il 50% degli atleti con esperienza in WTS è giunto tra i primi dieci, va osservato che due dei tre atleti fuori dalla Top 10 sono giovanissimi e provenienti da una nazione senza grandi nomi al maschile come la Svezia. Il dato andrebbe letto come un 3 su 4, con quest’ultimo di poco fuori (lo svizzero Fridelance giunto 12°).

G) Atleti che hanno partecipato almeno ad una gara di WC

Erano 30 in totale (49,18%); 10 tra i primi 10 arrivati (100% e 33,33% del totale). Quasi metà degli atleti al via vantavano almeno una partecipazione in World Cup, a testimonianza del buon livello della competizione. Tra i primi dieci, il 100% degli atleti aveva almeno una partecipazione in World Cup, quindi gli atleti più formati e talentuosi hanno monopolizzato una gara che escluso Castro, favorito alla vigilia, si presentava di difficile lettura visti i tanti pretendenti. D’altra parte si può notare come questa esperienza ad alto livello si raggiunge anche attraverso gare “no”, e che la continuità di risultato è una caratteristica difficile da trovare tra gli U23.

Nelle tabelle sono presenti anche i risultati della World Cup di Cagliari (percorsi, condizioni climatiche e di campo gara differenti) svoltasi poco più di un mese prima, dove alcuni dei protagonisti di Burgas hanno avuto una giornata difficile. Su 61 atleti partenti infatti, solo in 54 sono arrivati (88,52%), 6 DNF (9,84%) e 1 DNS (1,64%). La quasi totalità degli atleti al via ha concluso la gara ed i ritiri sono stati causati da cadute nella frazione ciclistica.

Classifica maschile U23_1

Classifica maschile U23_2

Classifica maschile U23_3

Classifica maschile U23_4